top of page

Il libro di vita dell'agnello


Oggi vorrei raccontarvi un'esperienza particolare che mi è capitata qualche mese dopo l'inizio della stesura del mio libro.


Per chi mi conosce di persona o ha già letto il libro sa bene il percorso che ho vissuto nel costruire queste scritture ma per chi non lo ha vissuto è giusto che sappiate tutti i retroscena per comprendere meglio come è nato questo libro.


All'inizio avevo già chiaro in mente tutti i concetti che dovevo trascrivere, insieme anche al filo logico che dovevo seguire per creare una lettura complessa ma allo stesso tempo scorrevole e comprensibile di questi argomenti molto profondi e sfaccettati. Però avevo paura del fatto che mi sarei potuto perdere nei miei pensieri e non riuscire nell'intento quindi ho continuato a cercare prove e conferme dei miei ragionamenti e delle mie teorie nel lavoro di altre persone, facendo addirittura controlli incrociati multipli per confermare ciò che scrivevo. Sfogliavo i pensieri filosofici dei più grandi pensatori mai esistiti, i principi delle varie religioni, le leggi fisiche conosciute cercando di collegare le cose che si potevano collegare e scartare quelle che non trovavano riscontro.


In questo percorso, sono convinto di essere stato guidato da qualcosa di più grande che mi ha fatto scoprire lavori straordinari di pensatori venuti prima di me. Non parlo solo delle menti più famose del pianeta ma di pensatori quasi sconosciuti che, ahimè, dopo aver letto le loro opere, si può comprendere perché essi siano rimasti all'ombra della società e nascosti dalla massa perché in contrasto con il PENSIERO UNICO GLOBALE.


Uno di questi scritti è "il libro di vita dell'agnello" un manoscritto terminato all'inizio del nuovo millennio da un uomo di origine francese di nome Emanuele ora deceduto. Emanuele agli occhi del mondo non era niente di speciale, non aveva titoli di studio particolari, era un semplice operaio, e nessuno sapeva che lui esistesse, ha vissuto praticamente quasi tutta la vita nelle difficoltà per seguire la sua coscienza e ancora tutt'ora rimane quasi sconosciuto. Ma se provate a leggere ciò che egli ha scritto, le sue intuizioni e il suo filo logico in un libro con più di 400 pagine capirete subito perché si tratta di qualcosa di incredibilmente unico e speciale. Nel suo libro praticamente mette in discussione tutto quello che noi crediamo di sapere sulla realtà e sulla scienza, ma anche sullo spirito e le religioni con una logica indistruttibile. Mentre leggevo mi domandavo se fosse solo fantasia o se quello che scriveva avesse del fondamento e trovasse una conferma nelle opere di qualche altro studioso, soprattutto quando Emanuele affronta la parte scientifica. Ed ecco che qui entrano in gioco i controlli incrociati. Emanuele confermava le mie teorie e i miei pensieri ma chi confermava quelli di Emanuele? Per esempio uno è Renato Palmieri nel suo libro "La fisica unigravitazionale e l'equazione cosmologica." dove viene messo in discussione il sistema attuale dove gravità e magnetismo sono due forze distinte e separate, libro quasi introvabile. Ho trovato riscontri del suo pensiero anche nell'Ermetismo, nello specifico in alcune traduzioni delle Tavole Smeraldine di Ermete Trimegisto e di Thoth l'atlantideo. Queste traduzioni sono un po' controverse perché le tavole sono andate perdute da molti secoli ormai ma alcune traduzioni e scritture sono pervenute e si dice addirittura che siano state ritrovate nella tomba di Abramo.


Questa è solo una piccola parte del mio lavoro di ricerca, in ogni caso se volete approfondire potete scaricare gratuitamente il PDF del libro di vita qui:


Il-Libro-di-Vita-dell-Agnello
.pdf
Scarica PDF • 2.24MB

o visitare il sito web ufficiale: https://www.illibrodivita.com/pubblicazione.php


Potete trovare gli altri scritti in fondo alla "Home" del mio sito web nella sezione "Libri e Video consigliati"


Vi auguro una buona lettura e un buon viaggio.


15 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Kommentare


bottom of page